SHARE

Ci sono state varie sorprese in questa ventitreesima giornata di Primera División, sia in vetta che in zona calda.

Il primo colpo grosso porta la firma del Madrid CFF. Sabato pomeriggio, le ragazze di Víctor Miguel Fernández hanno parzialmente rovinato la festa all’Atlético riuscendo a prendere un punto nell’esordio delle colchoneras al Wanda Metropolitano.

Giocata a ritmi altissimi, la stracittadina regala spettacolo e gol ad oltre 22 200 spettatori riuniti in tribuna. E infatti, la prima rete femminile nel nuovo stadio rojiblanco arriva dopo soli sette minuti quando la francese Aurélie Kaci batte Paola Ulloa con un missile da fuori area che finisce sotto l’incrocio dei pali. Le ospiti reagiscono subito e trovano il pareggio con Jade Boho, lanciata in profondità e brava a punire con un gran pallonetto l’uscita avventurosa di Lola Gallardo. Sará di nuovo Jade a pareggiare in conti a dieci minuti dall’intervallo dopo che Marta Corredera aveva riportato avanti le sue al 17’. Nella ripresa, l’Atléti ci prova ma non riesce a concretizzare le occasioni create.

Vive le successive 20 ore con il timore di vedere il Barcellona riprendersi il primo posto. Le blaugranas però inciampano sul campo dello Sporting Huelva. Subito pericolose, sfiorano il vantaggio al 34’ ma l’arbitro segnala il fuorigioco di Toni Duggan. A inizio secondo tempo, sono le padrone di casa a trovare il gol con Rutendo Makore. Il Barça non perde l’entusiasmo e riparte all’attacco. Duggan, sfiora il pareggio due minuti dopo ma deve aspettare il 60’ per battere Sara Serrat: controlla in aerea in mezzo a due difensori e scocca un tiro potente che non lascia scampo all’estremo difensore. Il Barça spinge per altri trenta minuti ma la retroguardia e il portiere locali fanno buona guardia.

Occasione sprecata quindi contro un avversario che sembrava decisamente alla portata delle compagne di Marta Torrejón, e risultato non proprio rassicurante a quattro giorni del quarto di finale andata di Champions sul campo dell’Olympique Lyonnais.

Sabato mattina, è tornato a vincere l’Athletic dopo tre KO di fila. Alle basche è bastato un gol du Lucía Córdoba al 61’ per battere il Betis e riprendersi il terzo posto, grazie anche al pari a reti bianche tra il Valencia e il Granadilla, ormai quarto.

In ambito salvezza, il Saragozza dimostra ancora una volta di non aver abbandonato la lotta e si gode un successo inaspettato in casa con il Levante. Le locali si portano avanti dopo cinque minuti con Darlene de Souza, mentre Mayara Bordin firma il raddoppio al 27’ prima del gol del definitivo 3-0 di Nuria Mallado a metà ripresa.

Le aragonesi lasciano qundi l’ultimo posto al Santa Teresa, che era riuscito ad interrompere la striscia di cinque sconfitte consecutive pareggiando all’86’ sul campo del Siviglia, passato in vantaggio con Raquel Pinel all’ora di gioco.

La permanenza invece sembra sempre più vicina per l’Albacete che si libera del Rayo Vallecano per 3-1, portandosi a +9 dalla zona retrocessione quando mancano sette partite al termine del campionato.

Nella sfida di metà classifica, la Real Sociedad e l’Espanyol si neutralizzano a San Sebastián (1-1) e rimangono momentaneamente fuori dalla Copa de la Reina, rispettivamente a -3 e -8 del Levante, ottavo.

Risultati 23a giornata
Athletic Bilbao 1–0 Betis
Atlético de Madrid 2–2 Madrid CFF
Valencia 0-0 Granadilla
Santa Teresa 1–1 Siviglia
Real Sociedad 1-1 Espanyol
Albacete 3-1 Rayo Vallecano
Saragozza 3-0 Levante
Sporting Huelva 1-1 Barcellona

Classifica
Atlético de Madrid 56
Barcellona 55
Athletic Bilbao 43
Granadilla 41
Betis 39
Valencia 35
Madrid CFF 35
Levante 32
Rayo Vallecano 29
Real Sociedad 28
Espanyol 24
Siviglia 24
Albacete 23
Sporting Huelva 22
Saragozza 14
Santa Teresa 13