SHARE

Settebello Ferelle anche a Frosinone, dopo le sette reti rifilate al Pescara ne arrivano altrettante in Ciociaria. Mattatrice della gara questa volta è Jessika Manieri che compie una partita da dieci in pagella come il numero che ha sulle spalle. Qualità, giocate, onnipresente in ogni azione, la nazionale verdeoro atterra sul parquet del Pala Sport di Frosinone e dimostra dopo il periodo di recupero post operatorio di essere tornata il fenomeno dello Chapecò. Tre reti e due assist oltre che tanto minutaggio per Manieri, insieme a Renata (ha realizzato una doppietta) e Valeria Schmidt si sono caricate sulle spalle la squadra rossoverde e l’hanno trascinata alla vittoria. C’è voluto però un primo tempo di sudore e forza per stancare la Bellator che tra le grandi parate di Oselame e la grinta delle sue giocatrici ha limitato i danni tenendo a galla sull’1 a 2 il destino della partita. Due belle parate anche di Mascia che non ha permesso il momentaneo pareggio su una disattenzione di Valeria a pochi secondi dalla fine del primo tempo.

Secondo tempo più pratico delle rossoverdi, dove hanno badato più a segnare che a fare gioco al contrario del primo tempo, il cambio marcia dato da Bianchi e Brandolini sulle laterali a turno è stato fondamentale per l’economia del gioco. Peccato per l’espulsione di Presto per doppia ammonizione, ma la numero cinque non è sembrata in giornata. Otto minuti di gioco per Trumino che sostituisce Mascia tra i pali, la classe duemila compie due gran bei interventi e non ha potuto nulla sul tiro di Mercuri. I gol di Neka e Brandolini suggellano una gara di grande spessore soprattutto in ottica di coinvolgimento nella manovra di gioco vista da parte di tutta la squadra; adesso ci saranno gli ultimi cinque round prima della corsa scudetto con i play off.

Il Direttore Basile sottolinea il grande momento positivo: “La gara mi è piaciuta anche se ci sono alcune disattenzioni difensive che vanno limitate ancora di più, ma sono conscio anche di aver costruito una squadra con molta qualità e la propensione ad attaccare è quasi naturale.” Citazione d’obbligo per la tripletta di Manieri: “Non sono sorpreso, stiamo parlando di un fenomeno internazionale che ha fatto la storia di questo sport con la sua nazionale e lo Chapecò, ma capisco che a volte qualcuno si possa lasciare andare in giudizi del momento. Abbiamo una squadra che fino a ora  è riuscita a esprimere il proprio quaranta per cento non di più, per questo sono ottimista, gli altri iniziano a boccheggiare e a rimanere corti noi invece stiamo in piena crescita. Sono soddisfatto di mettere in crisi di abbondanza lo staff e il mister.”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here