SHARE

Bilancio di fine stagione agrodolce, dopo un’annata caratterizzata dalla partecipazione agli europei under 17 culminata con l’eliminazione nel turno preliminare ad opera dell’Inghilterra, retrocessione in serie C con la maglia del Sassari Torres e stage in azzurro a Coverciano insieme ai migliori talenti in circolazione nati tra il 2000 e il 2003.

Analisi di un anno di calcio affidata a Maria Grazia Ladu, attaccante della Sassari Torres, classe 2001, gioellino del calcio sardo e speranza del movimento femminile italiano del futuro.

Ciao Maria Grazia, un tuo bilancio di quest’annata in azzurro

Questa stagione passata in azzurro posso dire che, oltre che indimenticabile, sia stata molto costruttiva sia dal punto di vista calcistico che personale. Abbiamo lavorato tutte insieme da squadra arrivando a disputare la fase finale dell’Europeo, abbiamo creduto sin da subito nel gruppo che eravamo e siamo arrivate così in Lituania. Certo, non siamo riuscite a ottenere il risultato contro l’Inghilterra, rimane molto rammarico, ma non tutte le partite vanno come vorremmo, questo è il calcio.
Sono abbastanza soddisfatta di questa stagione anche se mi sarebbe piaciuto giocare un po’ di più.

Un sunto della giornata tipo del raduno a Coverciano

Il raduno a Coverciano prevedeva 2 allenamenti al giorno, uno la mattina e l’altro il pomeriggio, attività di gruppo e momenti di svago.
Purtroppo non ho potuto portare a termine questa esperienza a causa di un infortunio: sono rientrata prima del previsto e ho iniziato subito la terapia. Adesso sono guarita quasi del tutto e mi preparo per l’inizio della nuova stagione.

Aspetti positivi e negativi della stagione appena conclusa a livello di club 

A livello di club quest’anno le cose potevano andare decisamente meglio. Un decimo posto in classifica ci è costato la retrocessione in C. Abbiamo perso delle partite che potevamo portare a casa molto tranquillamente e questo è quello che mi dispiace più di tutto. Di positivo c’è il fatto che comunque abbiamo lavorato tanto e ho appreso molto.

Prospettive e ambizioni per la prossima stagione.

Nella prossima stagione spero di crescere ancora e di raggiungere gli obbiettivi che mi pongo. Mi impegnerò sin da subito per fare il più possibile per aiutare la squadra e guadagnarmi la chiamata in nazionale.