SHARE

Il Chieti Calcio Femminile c’è: la conferma è stata la convincente vittoria per 4-0 contro il Catania.

Ottima la prestazione delle neroverdi nonostante fossero arrivate al match in formazione rimaneggiata per alcune assenze importanti per squalifica (Giulia Di Camillo) ed infortuni (Perna e Antonsdottir).

Formazione inedita che ha dato però prova di gran carattere vincendo e giocando un bel calcio.

Mister Di Camillo non nasconde tutta la sua soddisfazione per questa vittoria “scaccia fantasmi”, visto che negli ultimi tempi la squadra aveva un po’ perso la brillantezza del girone di andata ed ora sembra averla ritrovata.

“La partita contro il Catania è stata convincente sotto certi aspetti – spiega il mister – perché l’abbiamo affrontata abbastanza rimaneggiati dagli infortuni. Nell’ultimo allenamento avevamo perso anche Antonsdottir che ha avuto una brutta distorsione alla caviglia e dovrà stare probabilmente fuori per circa un mese. La squadra è stata un po’ rivoluzionata: ho schierato un centrocampo abbastanza inedito e nuovo  visto che Perna era infortunata e Giulia squalificata. Passati i primi minuti di apprensione siamo saliti in cattedra offrendo così una prova soddisfacente, il risultato parla chiaramente, avremmo anche potuto sfruttare qualche occasione in più. Era un momento particolare e nonostante i tanti cambiamenti le ragazze hanno risposto bene. Ho giocato con Coscia laterale a destra e La Mattina laterale a sinistra, a centrocampo con Giada centrale con Benedetti e Gangemi. Ho cambiato ruolo ad alcune giocatrici. Dopo aver segnato la prima rete c’è stata una piccola loro reazione con un salvataggio di Giada sulla linea, dopo però è arrivato il 2-0 con Gangemi. Da quel momento abbiamo controllato la partita giocandola nella metà campo avversaria con buone occasioni per arrotondare e andandola poi a vincere per 4-0. Nell’ultima mezzora ho avuto anche la possibilità di far entrare qualche giovanissima facendola anche esordire.

La difesa ha retto bene: i centrali, Carmosino e Ferrazza, hanno giocato molto bene. Coscia e La Mattina hanno dato una mano fondamentale.

Il centrocampo si è ben comportato nonostante non avessimo giocatrici altamente tecniche, il tutto è stato infatti impostato sulla battaglia e la grinta. In attacco tutte e tre la ragazze hanno trovato il gol.

Tagliaferri ha fatto una buona prestazione, ha avuto alcuni palloni nei primi minuti che avrebbe potuto sfruttare meglio, ma è stata una spina nel fianco per la difesa del Catania perché è stata presente in quasi tutte le azioni, è venuta fuori la sua rapidità dalla quale abbiamo tratto giovamento. È positivo anche che abbia segnato Pica, poi è andata in rete anche Vukcevic. Davanti ho cambiato molto schierando Vukcevic centravanti finto con due attaccanti larghe, Pica e Tagliaferri.

Il Catania nel girone di andata era molto accreditato, ha perso poi qualche pezzo per strada e sicuramente ha perso come squadra, però le mie ragazze si sono ben comportate.

Siamo ora proiettati alla trasferta di domenica prossima nella quale non dobbiamo assolutamente fallire, poi avremo quindici giorni di tempo per recuperare alcune giocatrici. La buona notizia è che hanno inciampato anche le nostre rivali in classifica: domenica scorsa è girato un po’ tutto per il verso giusto.

Si deve continuare in questa maniera: vedo la squadra un po’ più compatta, serena e vogliosa di fare risultato e questo mi rende più tranquillo rispetto ad un mese fa quando qualcosa scricchiolava.

Le partite future ci diranno quale sarà il nostro ruolo”.

Tutto dunque lascia guardare con ottimismo al futuro prossimo:

“La buona prestazione della squadra lascia ben sperare – ribadisce Mister Lello Di Camillo – sono certo che lotteremo fino alla fine per il terzo posto. Soprattutto per quanto fatto nel girone di andata e per quanto stiamo rimettendo in piedi ora forse ce lo meriteremmo. Il nostro problema è che ci troviamo sempre contati: speriamo che in futuro di avere meno guai e squalifiche, ma sotto quest’ultimo aspetto siamo noi a dover essere più attenti”.

Tornando invece a parlare della trasferta di domenica prossima contro il Real Colombo il mister non ne nasconde le insidie ma allo stesso tempo carica la squadra:

“Sarà vietato sbagliare. Come ho già detto in altre occasioni, questo è un girone un po’particolare nel quale, rispetto ad altri anni, le ultime in classifica danno ancora più battaglia alle prime, c’è cioè un maggiore equilibrio. Domenica scorsa la prova di questo è stato il pareggio casalingo della Roma Decimoquarto contro il Partenope. Dovremo stare molto attenti e concentrati perché non siamo una squadra nettamente superiore alle altre: non dobbiamo mancare questi tre punti che potrebbero dare un po’ di tranquillità e farci tirare il fiato visti i quindici giorni di pausa successivi e calcolando che ci sono anche domenica prossima degli scontri che ci potrebbero far sorridere. Noi però dobbiamo pensare a noi, senza guardare agli altri, tutto dipende da noi.

Sinceramente non conosco i movimenti di mercato del Real Colombo. Ho notato però che, mentre nel girone di andata ha subito sonore sconfitte, adesso subisce meno reti e tutto è più nella norma quindi compete meglio ed ha probabilmente migliorato qualcosa. Ha pagato forse anche l’inesperienza visto che è la prima volta che affronta la Serie B. Ho visto poche loro partite. Noi dovremo pensare a noi stessi non all’avversario. Dovremo cercare di giocare bene come contro il Catania”.

Il “progetto giovani” sposato la scorsa estate dalla società neroverde finora sta dando i suoi buoni frutti e anche questo è motivo di orgoglio per il mister:

“La non eccessiva pressione di risultati mi sta portando ad accelerare “il progetto giovani” che abbiamo abbracciato la scorsa estate. Alcune ragazzine forse  non sono ancora totalmente pronte per questo campionato, però a giro le sto portando in prima squadra, a volte giocano mezzora, a volte un tempo.

Ho già detto più volte che se centreremo il terzo posto saremo tutti felici, altrimenti non sarà un problema visto che il nostro scopo principale quest’anno era quello di ristabilire alcuni equilibri in società e cercare di far crescere le nostre ragazze e ci stiamo riuscendo.

Stiamo partecipando al Campionato Under 15 Nazionale e stiamo effettuando la prima fase che è quella regionale: siamo in un girone a quattro con noi, Women Soccer Castelnuovo di Teramo, Marsica e Delfini Biancazzurri Pescara. Con la Marsica abbiamo vinto sia all’andata che al ritorno 7-0, con i Delfini Biancazzurri a Pescara abbiamo vinto 5-0 e con il Castelnuovo in casa abbiamo vinto 3-1.

Sicuramente il Castelnuovo è la squadra che ci darà filo da torcere fino all’ultimo, andremo lì a fine febbraio. Se riusciremo ad essere primi nel girone andremo a disputare un altro girone successivo interregionale nel quale incontreremo Ascoli picchio, Ternana e Grifo Perugia dunque Abruzzo, Marche e Umbria. Chi vincerà andrà ancora avanti fino ad un’eventuale finale nazionale. Abbiamo una buona squadra, siamo ambiziosi e vogliamo ottenere buoni risultati. Dobbiamo però pensare per gradi anche a questo.

Il Castelnuovo è stato sempre la nostra bestia nera a livello giovanile, in casa l’abbiamo battuto, andremo lì per confermarci e passare il turno. Puntiamo molto su questo campionato.

È positiva l’avventura finora grazie anche all’esperienza fatta da alcune ragazzine in prima squadra”.        

 

 

L’Addetto Stampa Chieti Calcio Femminile

                                                                                                                                          Piero Vittoria