SHARE
brescia-juventus

E’ stata scritta la parola fine (speriamo) sulla querelle relativa all’organizzazione dello spareggio Scudetto Brescia-Juventus di Serie A femminile. Dopo le proteste veementi dell’ad delle bianconere Marotta per la decisione iniziale della LND di fissare la partita in concomitanza (sabato 19 alle 15) con l’ultima giornata di campionato di Serie A maschile, e conseguente festa Scudetto degli uomini, Juventus e Brescia si sono accordate per chiedere lo spostamento della partita. La variante iniziale (sempre sabato ma alle 20.30) precludeva la possibilità di una diretta Rai (palinsesto già occupato), quindi si è deciso per un radicale cambio di programma.

Brescia-Juventus a Novara

Non solo si è deciso per lo slittamento della partita di un giorno (da sabato si passa a domenica), ma anche la sede della gara è stata modificata: dal “Picco” di La Spezia (equidistante, sì, ma oggettivamente molto scomodo da raggiungere sia per le squadre ma anche per le tifoserie) si va al “Silvio Piola” di Novara con calcio d’inizio alle 20.30, in modo da poter permettere anche la diretta televisiva.

Lo spareggio val bene “chiudere un occhio”

Insomma, di occhi se ne sono chiusi quasi due, perché oltre a modificare data di una partita già annunciata (e a poco più di 72 ore dall’evento stesso), in deroga al regolamento che vuole che le gare di spareggio non si giochino nelle regioni di appartenenza delle squadre in campo, si è deciso di andare a Novara. Per quanto riguarda questa decisione specifica, non ci sentiamo di mettere un’altra croce addosso al Dipartimento Calcio Femminile, in fondo le società si sono accordate e la scelta di Novara (terreno misto sintetico di ottima qualità) anche logisticamente è sicuramente più conveniente per entrambe le compagini. Resta sempre però quel senso di stupore, sconcerto, per l’ennesimo episodio negativo a livello organizzativo che ha dovuto far correre ai ripari un po’ tutti quanti.

Marotta attacca, Sibilia risponde

Alle parole forti pronunciate dall’ad della Juventus, non si è fatta attendere la risposta del presidente della LND Cosimo Sibilia e del suo vice Morgana (delegato per il calcio femminile): fanno sapere in una nota che la Juve “ha richiesto ufficialmente al Dipartimento Calcio Femminile lo spostamento alle ore 20.30 della partita con il Brescia solo in data 15 maggio alle ore 19.33. Richiesta che il Dipartimento Calcio Femminile ha riscontrato in pari data, alle ore 20.31″. “A maggior ragione – aggiungono Sibilia e Morgana – spiace prendere atto di dichiarazioni che, oltre a sembrare strumentali alla questione relativa al passaggio alla Figc dei Campionati femminili di Serie A e B, sono palesemente offensive e rappresentano una grave mancanza di rispetto nei confronti della Lega e dell’intera struttura e sulle quali la Lnd e il Dipartimento Calcio Femminile si riservano di intraprendere ogni piu’ opportuna azione a tutela della propria dignità”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here