SHARE

FIORENTINA – AGSM VERONA 1-2

Reti: Pt. 36′ Guagni, st. 4′ Kostova, 21′ Kostova

Fiorentina: Ohrstrom, Guagni, Linari, Adami, Bonetti, Bartoli, Brazil, Caccamo, Spord, Rinaldi (24′ st. Mauro), Tortelli (41′ st. Zazzera).
A disposizione: Durante, Daniel, Einarsdottir, Mauro, Zazzera, Carissimi, Fedele.
Allenatori: Sauro Fattori e Antonio Cincotta.

Agsm Verona: Lemey, Lipman, Molin, Soffia, Bardin, Nichele, Ambrosi, Decker, Dupuy, Kostova (45′ st. Kongouli), Hannula (31′ st. Fishley).
A disposizione: Buhigas, Kongouli, Goula, Fishley, Bouby
Allenatore: Renato Longega.

Arbitro: Agostino De Santis di campobasso.
Assistenti: Alessandra Fortini di Arezzo e Eleonora Vannucchi di Pistoia.
Note: Terreno di gioco in erba artificiale inzuppato per la pioggia caduta. Clima freddo e umido. Recupero 1+4.

Firenze.
Per le ragazze dell’Agsm Verona inizia con una trasferta proibitiva sul campo della Fiorentina campione d’Italia in carica il girone di ritorno del massimo campionato.
Mister Longega a sorpresa rinuncia alla greca Kongouli, rientra nell’undici titolare Elena Nichele. Qualche sorpresa anche nella Fiorentina con l’ex Marta Carissimi che parte dalla panchina.
La prima conclusione dopo quattro minuti è del Verona con Kostova che elude l’intervento di Guagni ma non inquadra la porta.
Gialloblù propositive anche al 13′ quando sul pallone filtrante di Nichele Hannula e Kostova non riescono ad intervenire.
Dupuy lancia in profondità Hannula ma si alza la bandierina per un dubbio fuorigioco della giocatrice finlandese dell’Agsm Verona.
Fiorentina per la prima volta pericolosa alla mezz’ora con la grande ex Tatiana Bonetti che fa partire una fucilata con sfera di un nulla a lato.
Rispondono le scaligere con Hannula che in area viene anticipata in extremis.
‘E un Verona che piace e se la gioca alla pari con le campionesse d’Italia.
Fiorentina in vantaggio al 35′ dopo una serie di decisioni opinabili da parte dell’assistente arbitrale. Caccamo in sospetto fuori gioco serve sul secondo palo Alia Guagni che incorna in rete il pallone del vantaggio viola tra le proteste della panchina gialloblù.
Il Verona potrebbe pareggiare i conti in due minuti: Hannula, sola in area, si fa deviare in angolo la conclusione da Ohrstrom e subito dopo è ancora il portierone svedese della Fiorentina a salvare la squadra viola sulla conclusione ravvicinata di Kostova che si dispera per il mancato pareggio.
Si va così al riposo con le veronesi immeritatamente in svantaggio di una rete.
In apertura di ripresa l’Agsm Verona perviene al pareggio con la bulgara Kostova che caparbiamente riconquista palla sulla tre quarti, si accentra, e di sinistro fredda Ohrstrom con una conclusione a fil di palo.
La Fiorentina prova subito a rialzare la testa con Bartoli che chiama Lemey alla respinta.
Caterina Ambrosi sugli sviluppi di un calcio d’angolo tenta senza fortuna la rovesciata.
Sull’altro fronte Bonetti, la migliore tra le toscane, danza in area ma la sua conclusione viene toccata in angolo da Lemey.
Al 21’ Il Verona passa in vantaggio: Bardin riconquista palla con le gialloblù in contropiede in superiorità numerica, Kostova riprende la palla dopo una respinta della retroguardia viola, dribbla un difensore e insacca il pallone dell’uno a due.
Galvanizzato dal vantaggio il Verona si rende ancora pericoloso con Bianca Bardin che chiama Ohrstrom alla deviazione in angolo.
Allo scadere Decker salva letteralmente il risultato andando a respingere sulla linea di porta la conclusione a botta sicura di Linari.
Dopo quattro minuti di recupero possono finalmente esultare le ragazze in maglia gialloblù che si impongono per due reti ad una sul campo delle campionesse d’Italia conquistando tre punti fondamentali per allontanarsi dalla zona rossa della classifica.
Le veronesi torneranno tra le mura amiche di via Sogare domenica prossima per il posticipo Rai contro il Ravenna. Una gara da vincere a tutti i costi per proseguire la riscossa gialloblù.