SHARE

Aria di derby tra le fila della Femminile Riccione Calcio, la squadra biancazzurra è chiamato alla difficile trasferta a Castelvecchio domenica 25 marzo ore 15.00, Riceci & Company dovranno infatti risollevarsi dalla sconfitta contro la San Marino Academy. Ritrovare il “filo di Arianna”, questo il must della compagine impegnata nel campionato di serie B, considerata da molti il team rivelazione di questo campionato, come sottolinea il tecnico riccionese Gianluca Lorenzi: “Le avversarie di domenica sono state brave e hanno meritato di vincere, noi abbiamo giocato con paura, calciando troppi palloni. Rispetto alle ultime partite abbiamo fatto dei passi indietro, sia sul piano del gioco, che dell’atteggiamento in campo, siamo al lavoro per affrontare al meglio questa trasferta”. Stesse squadre ma categoria diversa, sabato 24 marzo allo Stadio “Italo Nicoletti” di Riccione la categoria Primavera di mister Carbone affronterà il Castelvecchio alle ore 17.30. Campionato a singhiozzi quello di serie D, causa maltempo, sosta forzata la scorsa settimana, ma questa domenica la banda riccionese è attesa sul manto del Novellara ore 14.30. Spazio anche al futsal, il Riccione Smile Team scenderà in campo venerdì 23 marzo ore 21.00 campo La Valletta di Igea Marina al cospetto dell’Osservanza. Abile e arruolata per questo week end calcistico biancazzurro Irene Dominici, diciotto anni, riminese, difensore, tifosa juventina e sopratutto del suo idolo Alex Del Piero. Impegnata nel quinto anno all’ Istituto Ites Valturio di Rimini, Irene pratica calcio dall’età di sei anni. “Da quando avevo tre anni la mia volontà era quella di giocare a calcio, da dove nasce questa mia passione non saprei, anche perchè in famiglia nessuno seguiva questo sport, se non le gare della Nazionale tra Europei o Mondiali. Ho iniziato calcio nei Delfini di Rimini, poi, all’età di dieci anni, ho conosciuto Arianna Fabbri e sono entrata a far parte della Femminile Riccione Calcio. Ho giocato in Primavera, serie C e serie B Questa società rappresenta una seconda famiglia,  e il calcio è una passione a cui ho dedicato tutti gli anni della mia vita, facendo tanti sacrifici e ottenendo dei risultati grazie alla mia determinazione nel voler ottenere le cose”.

Irene che tipo di campionato state vivendo?

“Stiamo facendo un buon campionato, puntiamo alla vittoria, ma per ottenerla dobbiamo fare del nostro meglio, senza distrazioni ma con tanti sforzi”.

Quali sono i tuoi obbiettivi futuri?

“Poter continuare a migliorare e ottenere più risultati possibili con la mia squadra e magari salire di categoria, mentre a livello personale devo decidere quale Università scegliere, spero di riuscire ad ottenere il massimo anche in questo ambito senza abbandonare per forza il calcio”.

Veronica Lisotti