SHARE

Clarentia Trento – Fortitudo Mozzecane 0-3 Clarentia Trento: Valzolgher, Varrone, Ruaben, Tonelli, Pedot (1′ st Busarello), Pellegrini, Daprà (23′ st Brunello), Fuganti, Dauriz, Rosa, Rovea. A disposizione: Valenti, Busarello, Torresani, Brunello. Allenatore: Pavan.

Fortitudo Mozzecane: Venturini, Pecchini (19′ st Bonfante), Welbeck (34′ st Mele C.), Signori, Caliari, Salaorni, Martani (32′ st Tinelli), Carraro, Peretti (28′ st Marconi), Caneo, Gelmetti (42′ st Bottigliero). A disposizione: Olivieri, Marconi, Mele C., Bonfante, Bottigliero S., Mele A., Tinelli. Allenatore: Bragantini. Arbitro: Diop (Treviglio).

Assistenti: Baldessari e Marcaccio (Trento).

Reti: 34′ pt Martani, 22′ st Martani, 27′ st autogol Ruaben.

Note: ammonite: 3′ st Pecchini (FM), 28′ st Dauriz (CL), 42′ st Caliari (FM).

Le gialloblù riprendono il loro cammino dopo la pausa natalizia e, nella prima gara del 2018, conquistano tre punti nell’insidiosa trasferta a Trento contro il Clarentia. Dopo 6 minuti dal fischio dell’arbitro Diop sono le padrone di casa a rendersi pericolose, con Rosa che viene lanciata verso la porta difesa da Venturini la numero 10 avversaria per pochissimo non riesce ad agganciare il pallone e il risultato resta sullo 0-0. Dopo il rischio corso la Fortitudo Mozzecane inizia a organizzare il gioco e le sue giocatrici offensive, Gelmetti, Martani e Peretti, cominciano a orchestrare azioni pericolose per la difesa avversaria, ma il punteggio non si sblocca. Le ospiti attaccano, crossano, tirano dalla distanza e provano a fare scambi rapidi in area, ma il gol non arriva. La situazione di pareggio si sblocca al 34′, quando Gelmetti si invola in area e mette in mezzo per Martani, che di piatto gonfia la rete e firma il vantaggio gialloblù. Al 42′ la difesa ospite si lascia cogliere impreparata ma Venturini rimedia e grazie ad un’uscita decisiva blocca l’attaccante del Clarentia pronta a calciare indisturbata dal limite dell’area. Il primo tempo si chiude sullo 0-1. Il secondo tempo inizia con Martani che prova a restituire l’assist a Gelmetti, ma l’ex Agsm non trova il gol solamente grazie ad un grande intervento del portiere Valzolgher. Al 22′ arriva il gioiello della partita: Peretti parte dalla propria metà campo e fa un lancio lungo per Martani, che vede il portiere fuori dai pali, da gran distanza lo sorprende con un tiro preciso che si infila sotto la traversa e firma la doppietta personale. La partita si chiude al 27′ quando Ruaben, sugli sviluppi di un calcio di punizione battuto da Salaorni, anziché allontanare la sfera batte di testa il suo portiere. Dopo lo 0-3 la partita diventa un po’ nervosa e si vedono tanti falli a centrocampo, ma le ospiti gestiscono il risultato e anzi rischiano di segnare un altro gol quando Caneo, da enorme distanza, lascia partire un destro che si stampa sulla traversa: solo la sfortuna impedisce alla 10 gialloblù di realizzare il suo terzo gol da fuori area in campionato. La partita si chiude sullo 0-3, un risultato importante per la classifica e per il morale della squadra in vista della partita con il Vittorio Veneto.