SHARE

Ancora una volta fuori in Coppa, ancora una volta ai quarti. Dopo Lazio e Montesilvano è arrivata la volta del Cagliari, le sarde hanno giocato una gara di sacrificio e intelligenza nulla più, ma questo è bastato per mandare a casa le Ferelle dopo che in fase di preparazione e sorteggio tutto lasciava presagire a un approdo in finale come nel 2014. Stupore, ma anche voglia di riflettere, il Direttore Damiano Basile spiega il momento:

“Bisogna essere equilibrati e analizzare il momento, senza buttare l’acqua sporca con tutto il bambino. La rabbia dei tifosi? Giusta. In una trentina si sono messi in viaggio a mezzanotte del mercoledì, tutta gente che ha famiglia e lavora, adesso è il momento di mettersi in riga. L’unico modo è ottenere la finale scudetto e sono sicuro che questa squadra ha il potenziale addirittura per vincerlo, bisogna solo non sottovalutare le avversarie e non perdersi in un bicchiere d’acqua. Ci credevo prima e ci credo ora, d’altronde con una squadra e uno staff così non posso pensare altro, l’importante è che si capisca che il bene ultimo è quello della maglia, non dei singoli. Ho immensa fiducia, sono sicuro che ne verremo fuori già dalla prossima partita.”

Eppure sembrava che la squadra sia in allenamento sia in rifinitura, fosse molto convinta e combattiva poi però in campo negli appuntamenti importanti si è sempre sciolta, perché?

“Si è vero negli scontri diretti con prima, seconda e terza abbiamo ottenuto solo un pareggio e di fatto il primo trofeo della stagione è saltato. Però penso che questo gap o tassello mancante si possa ridurre e aggiungere tramite il lavoro e la fiducia nella propria compagna e nei propri allenatori, non che sudando la maglia che si indossa. Questo le ragazze lo sanno benissimo, quindi può essere un punto di partenza questa eliminazione.”

Parliamoci chiaro, con il Pescara in difficoltà, la Ternana Femminile è tra le candidate allo scudetto, ma quale Ternana? Quella dei recuperi impossibili o quella abulica della Coppa?

“Nessuna delle due, la Ternana Femminile che dobbiamo vedere è quella che ancora non abbiamo visto, ma che sono sicuro vedremo nei prossimi tre mesi. Lascerò Terni con un qualcosa di importante per i tifosi e la città, non certo nella mediocrità.”

Ripresa degli allenamenti programmata per martedì alle 17.30 nel quartier generale del Pala Di Vittorio 

Ufficio Stampa

Foto Luca Pagliaricci