SHARE

Studentessa universitaria presso la facoltà di Scienze dello Sport e della salute umana a Firenze, ricopre il ruolo di terzino sinistro nella sua squadra di appartenenza anche se per le sue caratteristiche è adattabile anche in altri reparti.

Calciatrice grintosa che ripone nel gruppo la forza trainante per provare a lottare e vincere le sfide, è attualmente ai box da circa un mese per un infortunio.

Scheda di presentazione per Iole Bartolucci, 20 anni, calciatrice del Casentino calcio femminile.

Ciao Iole, in che ruolo sei impiegata di solito in campo ? Quali sono i tuoi punti di forza e i limiti da migliorare?

Da quando ho iniziato a giocare ho ricoperto quasi tutti i ruoli. Quest’anno escluse due volte ho sempre fatto il terzino sinistro.

Per quanto riguarda i miei punti di forza credo sia la grinta, mentre ancora c’è da migliorare la posizione.

Come è nata la tua passione per il calcio?

Ho un fratello più grande di dieci anni con il quale ho passato molto tempo a giocare a calcio e che poi ha iniziato a portarmi allo stadio.

A 18 anni come hai utilizzato il bonus cultura dei neo maggiorenni?

 Non credevo che li avrei utilizzati invece li ho finiti prima del previsto, tutti per comprare libri

Un commento riguardo la partita persa con il San Miniato

Purtroppo siamo andate in svantaggio quasi subito, subendo la rete durante la prima frazione di gioco. Nel secondo tempo però siamo rientrate con l’obiettivo di raddrizzare la partita riuscendo a trovare il goal del pareggio dopo varie occasioni. Un errore dovuto alle pessime condizioni del campo ci ha portato a subire il goal del 2-1. C’è stata comunque una bella reazione di squadra e spero che non ci butti giù questa sconfitta immeritata.

Come si svolge la tua settimana tipo ? Riesci a conciliare lo sport con la scuola e il tempo libero ?

È il primo anno in cui ho dovuto rinunciare a molti allenamenti perché ho iniziato l’università a Firenze e quindi spesso tornare a metà settimana è impossibile. Conciliare lo sport con lo studio non è mai stato un problema, male che vada finisci a studiare il pullman.

Obiettivi personali e di gruppo per questa stagione sportiva

 Obiettivo personale in parte raggiunto, anche grazie alla squadra, per il gioco, la forza di volontà e la sportività messa in campo ogni domenica. Ora si cerca di tornare in campo visto l’infortunio che mi sta tenendo fuori da un mese. Come gruppo vogliamo chiudere al meglio cercando di sbagliare il meno possibile.

Quali sono i valori in cui credi, quelli più importanti nella tua vita?

La squadra è il valore in cui credo di più. Perché è la forza del gruppo che ti porta a vincere ed è sempre questa che ti sostiene al momento della sconfitta.