SHARE

Dopo aver praticato per ben 15 anni il karate, dalla scorsa stagione ha iniziato a cimentarsi nel nuovo panorama del calcio, integrandosi sin da subito senza evidenti difficoltà; giocatrice aggressiva, tenace e di carattere fa della tenuta fisica e della velocità i suoi punti di forza.

Omaggio nella giornata della festa della donna per Chiara Ronchetti, 31 anni, giocatrice del Casentino calcio femminile, ragazza umile, energica e mai doma, sempre determinata al raggiungimento degli obiettivi senza mai mollare fino all’ultimo minuto di ogni partita.

Ciao Chiara, iniziamo con una breve descrizione del tuo ruolo e delle tue caratteristiche tecniche

Sono una calciatrice di fascia laterale, gioco a destra o a sinistra a seconda delle esigenze del mister; i miei punti di forza sono il carattere, l’aggressività e la velocita’ mentre ho molto da migliorare riguardo la tecnica, avendo iniziato a giocare a pallone solo lo scorso anno dopo 15 anni di karate mi sento una novella nel settore; l’incontro con la presidentessa Fabiola Fani mi ha convinto a intraprendere questa nuova carriera, ho sempre praticato sport individuali, mai di squadra, ma l’idea di giocare in un team mi è subito piaciuta, condividere le gioie e le sconfitte ti fa sentire appartenente ad un gruppo.

Cosa ti riproponi di migliorare ?

Devo necessariamente migliorare la tecnica, sono molto propensa a imparare tutto, mi confronto con chi ha più esperienza di me con quella giusta dose di umiltà che mi contraddistingue per migliorare le mie lacune, di sicuro la mia forza fisica, la capacità di resistenza, e la rapidità di movimento compensano i miei limiti a livello tecnico.

Obiettivi per questa stagione

Mi ripropongo di migliorarmi sotto ogni aspetto, ogni piccolo passo puo’ essere una conquista a questi livelli, per quanto concerne gli obiettivi della squadra la classifica parla da se’, bisogna salvarsi, non mi piace perdere, il mio motto è quello di non mollare mai anche sul 0-5 al 90’ voglio correre e sperare che qualcosa di imprevedibile possa sempre accadere.

Quali sono le caratteristiche e i valori che una ragazza deve avere per praticare questo sport ?

Occorre avere umiltà alla base, sempre e comunque, a qualsiasi livello, me lo ha insegnato il karate dove ho gareggiato anche livello nazionale, non sei un campione se non sei umile, qualità che hai o ti fai con esperienza, inciampare, cadere e rialzarsi ti fa capire tante cose nel calcio come nella vita, bisognerebbe sviluppare questa capacità sin da piccoli, la tenacia, la rabbia, la grinta nella vita e nello sport, la capacità di arrangiarsi, riflette la mia personalità, credere sempre che ci sia la possibilità di trovare una via d’uscita anche nelle situazioni piu’ difficili.

Che tipo di ragazza è Chiara senza tacchetti ma con i tacchi fuori dal campo ?

Fuori dal rettangolo di gioco non sono una ragazza da tacchi, porto le scarpe da ginnastica, lavoro al forno con Fabiola preparando il pane.

Infine un pronostico per la prossima gara di campionato contro il Vigor Rignano

All’andata abbiamo disputato la partita ideale, sotto di due reti abbiamo vinto per 3-2, il massimo della gioia, la migliore espressione della tenacia; loro vengono da una serie di partite positive ma non ho paura di niente e nessuno, si va per vincere anche stavolta, come sempre d’altronde.