SHARE

OROBICA CALCIO BERGAMO: Lonni, Fodri, Vavassori, Barcella (dal 24’ st Parsani), Merli Luana (dal 33’ st Foiadelli), Brasi, Merli Cristina (dal 39’ st Cirillo), Poeta, Viscardi, Madaschi, Zamboni (dal 29’ st Massussi). A disposizione: Milesi Giorgia, Milesi Michela, Gaspari, Cirillo, Massussi, Foiadelli, Parsani. All.: Marianna Marini.

FEMMINILE INTER MILANO: Capelletti, Chiggio, Locatelli, Brustia, Baresi, Bonfantini, Marinelli, Regazzoli, Santi, Rognoni, Merlo. A disposizione:Selmi, Lazzari, Velati, Ripamonti, Ambrosetti, Pandini, Bragonzi. All.:Pablo Wergifker – Sebastian Delafuente.

ARBITRO: Sig. Edoardo Papale di Torino – GUARDIALINEE: Sig. Simone Pagani di Chiari e Sig.ra Elena Sirizzotti di Crema.

MARCATRICI: 36’ pt Luana Merli (r) (O). 14’ st Zamboni (O).

AMMONITE: 6’ st Lazzari (I), 20’ st Fodri (O).

UN’OROBICA DI LUSSO BATTE L’INTER E VOLA SOLITARIA IN VETTA

L’Orobica vince il big match della giornata e conferma il suo momento di forma che dura ormai da undici partite. Compattezza in tutti i reparti, grande voglia e una condizione atletica invidiabile hanno permesso alle ragazze di mister Marini di avere ragione di una formazione forte ed attrezzata come quella milanese.

Come si dice in gergo squadra che vince non si cambia e dunque l’allenatrice bergamasca ripropone la stessa formazione vittoriosa con il Marcon.

Fin dalle prime battute le due squadre mostrano di rispettarsi reciprocamente e badano per lo più a non scoprirsi. Il primo tentativo verso la porta avversaria cade al 16′ con Luana Merliche in area dal vertice sinistro dell’area piccola calcia sull’esterno della rete. Azione comunque fermata per un dubbio fuorigioco.

Ancora Orobica al 21′ ma il tiro di sinistro di Cristina Merli un pò ciabattato termina sul fondo. Risponde l’Inter al 24′ con una punizione di Locatelli dal vertice sinistro dell’area deviato in angolo con volo plastico da Lonni.

Vicinissime al vantaggio le padrone di casa al 26′ con Fodri che dal limite colpisce il palo a portiere battuto.Al 34’ Luana Merli lanciata a rete viene messa giù da un difensore appena entrata in area: rosso diretto per Santi e conseguente penalty. Con freddezza realizza dal dischetto lo stesso bomber. Forte del vantaggio e della giocatrice in più, l’Orobica gestisce bene la partita anche perché la formazione ospite accusa il colpo e non riesce più ad essere pericolosa dalle parti di Lonni. Ci prova al 41’ Bonfantini dal limite ma è attento il portiere bergamasco a respingere con i pugni. Dunque si va al riposo con l’Orobica in vantaggio per 1 a 0.

Nel secondo tempo le padrone di casa pur gestendo il risultato non disdegnano di cercare il        raddoppio. Inizia al 3’ Luana Merli con un destro dal limite che non crea problemi a Capelletti.

Segue un minuto dopo Fodri con lo stesso risultato. Al 10’ è Zamboni a provarci su punizione  ma la palla finisce lontano dai pali. Il raddoppio dell’Orobica giunge al 14’: Cristina Merli         recupera palla sulla sua trequarti e serve in profondità Luana Merli che scende sulla fascia         destra e confeziona un assist a centro area per Zamboni che controlla col mancino e di piatto      destro batte l’estremo difensore avversario. Le padrone di casa non si fermano ed imbasticono   un’altra bella manovra al 25’ sempre con Cristina Merli che questa volta allarga sulla destra per l’accorrente Poeta che calcia troppo debolmente e centralmente per cui para in sicurezza           Capelletti. Dopo un tiro “telefonato” di Zamboni preda del portiere anche la neoentrata Massussi tenta la via del goal al 31’ ma la conclusione termina alta. Si rivedono anche le ospiti al 36’ con un tiro dalla sinistra di Bonfantini parato facilmente da Lonni. La partita sembra virtualmente finita ma le ospiti hanno un’impennata d’orgoglio prima al 41’ con una punizione di Locatelli di poco fuori enei minuti di recupero con un colpo di testa sotto misura di Pandini sul quale Lonni si supera andando a togliere la palla praticamente dal sette.

 

Dunque il big match termina con il risultato di 2 a 0 per l’Orobica che resta in vetta da sola e     coglie l’undicesima vittoria della stagione. Un plauso alle giocatrici bergamasche che hanno      disputato una partita impeccabile sotto tutti i punti di vista. Partiamo da Lonni, giovane portiere dal sicuro futuro ed affidamento, autrice di ottimi interventi di cui uno strepitoso. La difesa con Madaschi, Vavassori e Brasi che hanno chiuso tutti gli spazi alle avversarie con l’aiuto di Poeta e Viscardi, grandi raccordi tra retroguardia e centrocampo. In mezzo la solita solidità ed efficacia di Fodri con Barcella in crescita nelle giocate e soprattutto fisicamente. Dulcis in fundo Cristina Merli, elegante dispensatrice di palloni per le trame offensive bergamasche, Luana Merli sempre più bomber a 360° con goal, assist e movimento, fino ad arrivare a Zambonigrande protagonista in tutte le zone del campo.

Qualcuno si è chiesto come si sentirà l’Orobica a fare da lepre…. lo vedremo a partire dalla       prossima partita, anch’essa molto importante, con il Milan Ladies.

Intanto l’Orobica sta bene e si gode il momento propizio.