SHARE
Il primo turno degli spareggi playout inizia in discesa per il Città di Falconara che si aggiudica la gara di andata contro lo Stone Five Fasano. Uno 0-2 a domicilio, gara al PalaSalvemini di Fasano, maturato nel secondo tempo grazie alla doppietta del capitano Sofia Luciani, alle parate decisive di Brugnoni e al termine di una gara equilibrata e, in generale, accorta da parte delle Citizens. L’avvio di gara del Fasano è tambureggiante. Brugnoni è chiamata più volte in causa e risponde sempre presente. Subito attenta con doppia parata sulla punizione di Demarchi prima e sul successivo tentativo di ribattuta di Campanile, si ripete poco dopo deviando in corner una conclusione di Naiara. L’occasione ghiotta capita anche alle marchigiane: Luciani illumina per Sevilla, appoggio sul secondo palo con Mango che para di piede, Marcella tenta di ribadire al volo ma Campanile spazza via la palla destinata al sacco. Ancora Luciani impegna Mango dalla distanza, nessuno approfitta della palla vagante in area. Il portiere pugliese si ripete poco dopo sul diagonale della troppo defilata Marcella. Partita bruttina e fallosa. Il Città di Falconara arriva presto a cinque falli e a pochi secondi dal 18′ scatta il tiro libero per il Fasano. Naiara prende una lunghissima rincorsa, Brugnoni non si fa ingannare. Il duello tra il portiere e la brasiliana si rinnova a pochi secondi dall’intervallo: Brugnoni, con un intervento felino, sbarra la strada al fortissimo diagonale di Naiara.

Nella ripresa il Fasano riprende la trama offensiva del primo parziale. Belam e Naiara fanno girare la testa. L’occasione clamorosa – e sprecata – arriva nei primissimi minuti della ripresa quando Naiara serve un diagonale sul secondo palo che, tagliata la difesa e superata la guardia di Brugnoni, trova Lacirignola ma il tutto si riduce a un incredibile errore a porta sguarnita. Grande, grandissimo sospiro di sollievo. Come quando, poco dopo, Belam libera di tacco ancora Lacirignola. Stavolta a fermare la numero 7 delle pugliesi non è l’imprecisione ma il provvidenziale intervento in scivolata di Ferrara. Poi, quando uno meno se lo aspetta, arriva la rete che sblocca la gara. Gol rocambolesco: Campanile riceve sulla sinistra, si accentra superando Pascual al limite dell’area delle falconaresi ma si allunga il pallone, sul quale interviene Luciani a rinviare di prima intenzione. La palla rotola per tutto il campo e prende in controtempo Mango con le compagne ferme nella convinzione ci fosse fallo per il Falconara (Campanile da dietro su Luciani). Non è così. L’arbitro non aveva fischiato e, nel gelo generale del palas pugliese, indica il centrocampo. Passano appena 30 secondi ed è ancora Luciani a timbrare: lancio lungo direttamente dalle mani di Brugnoni alla sponda di Marcella per l’arrivo in gran carriera del capitano che resiste a due avversarie e tocca in anticipo battendo Mango. 

 
Il capitano segna ma si fa male ed è costretta a uscire. Senza la 10 azzurra si soffre ma il fortino tiene. Ultimi batti e ribatti: Lacirignola ruba palla e crea superiorità numerica, palla a Belam al centro, Marcella mura la conclusione dell’avversaria. Sul capovolgimento di fronte Sevilla serve alla perfezione Ferrara ma Mango in uscita, stavolta, non si fa sorprendere. «Non è per niente semplice giocare partite come queste – commenta mister Massimiliano Neri – È fondamentale tenere a bada le tensioni e si sa bene che anche piccoli particolari possono essere decisivi. Prima della partita ci siamo detti di mettere in campo tutto quello che avevamo e così abbiamo fatto. Di sicuro non è stata una partita perfetta, ma le ragazze hanno dato tutto e questo è stato importante. Abbiamo fatto solo un piccolo passo, sappiamo bene che la strada da fare è ancora lunga». Ora, almeno, si può guardare con più serenità alla gara di ritorno, domenica 13 al PalaBadiali, che non sarà tuttavia risolutiva rispetto alla permanenza di Serie A del Falconara. Chi passa il turno dovrà poi affrontare la vincente tra Real Grisignano e Bellator Ferentum, altro spareggio playout terminato in gara-1 3-0 per le venete. Soltanto una resterà in Paradiso.

TABELLINO

Stone Five Fasano 0
Città di Falconara 2

Stone Five Fasano: Mango, Sangiovanni, Belam, Campanile, Naiara, Demarchi, Lacirignola, Gelsomino, Napoli, Politi, D’Errico. All. Monopoli.

Città di Falconara: Brugnoni, Pascual, Shai, Luciani, Marcella, Nicolini, Giacobbe, Ferrara, Sevilla, Bernotti. All. Neri.

Arbitri: D’Alessandro (Bernalda) e De Giorgi (Modena). Crono: De Lorenzo (Brindisi).

Reti: 13’05” e 13’32” st Luciani (FAL).

Note: al 17’53” pt tiro libero di Naiara parato da Brugnoni (FAL). Ammonite Belam (FAS), Sevilla (FAL), Napoli (FAS).