SHARE

Brescia: Ceasar, Sikora, Di Criscio, Bergamaschi (38′ st. Ghisi), Sabatino (30′ st. Heroum), Girelli, Hendrix, Fusetti, Daleszczyk (22′ st. Tomaselli), Giacinti, Giuliano.              
A disposizione: Marchitelli, Mendes, Pettenuzzo, Heroum, Cacciamali, Ghisi, Tomaselli.
Allenatore: Giampiero Piovani.

AGSM Verona: Lemey, Lipman, Molin, Soffia, Bardin, Kongouli (5′ st. Hannula), Fishley, Ambrosi, Decker, Dupuy (16′ st. Nichele), Kostova.
A disposizione: Buhigas, Goula, Nichele, Giubilato, Poli, Hannuila, Bouby.
Allenatore: Renato Longega.

Arbitro: Alessandro Negrelli di Finale Emilia.
Assistenti: Pietro Tinelli di Treviglio e Alessio Adrasto di Lodi.

Marcatori: Pt. 2′ Bergamaschi, 29′ Sabatino, 45′ Giacinti

Note: Giornata nebbiosa, terreno allentato. Recupero 1+3.

Brescia.
Spalti gremiti al Club Azzurri di Mompiano per il derby del Garda tra Brescia e Agsm Verona che chiude il girone d’andata del massimo campionato femminile.
Le gialloblù si presentano sul campo delle vice-campionesse d’Italia con in campo la svedese Molin, al debutto in campionato.
Mister Longega riesce a recuperare in extremis alcune acciaccate e le gialloblù al fischio d’inizio appaiono determinate.
A passare subito in vantaggio è tuttavia il Brescia che alla prima opportunità colpisce con Bergamaschi: la numero sette bresciana si avventa sul pallone crossato dalla destra e  incorna alla perfezione per l’uno a zero delle lombarde.
Subìto il gol a freddo le veronesi si affacciano in avanti con Dupuy che calcia a lato.
Il Brescia risponde con Giacinti che aggancia splendidamente ma conclude alto. Ci prova anche l’ex Manuela Giugliano che calcia di prima intenzione sugli sviluppi di un calcio d’angolo ma non inquadra la porta.
Al 29′ Il Brescia perviene al raddoppio con Sabatino che si fa trovare sola in area. La numero nove riceve la sfera, conclude a botta sicura, ma Lemey respinge. La sfera rimane nel cuore dell’area per il facile tap-in della stessa Sabatino che insacca a porta sguarnita.
Dupuy si guadagna un calci odi punizione da posizione defilata. Kostova calcia nel mucchio ma le gialloblù non riescono ad inquadrare il bersaglio grosso.
Allo scadere della prima frazione il Brescia triplica con Valentina Giacinti che si fa chiudere da Lemey e Decker sul primo tentativo. Le scaligere sono sfortunate poiché il pallone rimane giocabile per la stessa Giacinti che a porta vuota mette dentro il tre a zero, risultato con cui le due squadre rientrano negli spogliatoi per l’intervallo.
In apertura di ripresa le scaligere provano a costruire ma senza riuscire a rendersi pericolose. Pericoloso invece è il Brescia al dodicesimo quando Bergamaschi chiama Lemey alla respinta.
Il Verona prova a pungere su calcio piazzato di Kostova ma il suo pallone calciato in area viene solamente sfiorato di testa da Lipman.
Si arriva alla conclusione senza altre emozioni. Il Brescia vince per tre reti a zero e prosegue la sua marcia all’inseguimento della capolista Juventus.
Un Verona poco incisivo cede i tre punti ad un avversario superiore e sabato prossimo le gialloblù saranno attese da un’altra trasferta difficile sul campo della Fiorentina campione d’Italia in carica.